Oristano

Tra gli ospiti della prima giornata anche il filosofo Luciano Floridi e l’influencer Giorgia Soleri

“Identità e creatività nella Società dell’Infosfera” sarà il tema della prima giornata di “ConnEtica – Il festival delle interazioni tra digitale ed etica”, promosso dall’associazione di promozione sociale “Oristano e Oltre” da domani a sabato prossimo.

Tre giorni durante i quali si parlerà di connessioni, punti di interazione, luoghi di e in trasformazione ma anche di nodi di evoluzione e cambiamento.

Istituzioni, scuola, professionisti e studiosi, dialogheranno sul digitale e sulla necessità di un’etica ritrovata. Ma anche di architettura, di luoghi di e in trasformazione di un paesaggio che si plasma intorno al futuro.

Coordinatore scientifico della prima giornata, domani,  sarà Ivan Blecic. Moderatori Giampiero Vargiu e Riccardo Scintu, presidente e vice presidente dell’associazione organizzatrice.

Programma ed ospiti. Si inizierà alle 11, al Consorzio UNO- Università di Oristano, con l’apertura e l’anteprima di ConnEtica Festival e i saluti iniziali delle Istituzioni.

La manifestazione entrerà nel vivo a partire dal primo pomeriggio. Nella sala conferenze dell’Hospitalis Sancti Antoni, alle ore 15.30, ci sarà Luciano Floridi. In collegamento streaming, il noto studioso parlerà di: “La società dell’Infosfera.

La vita al tempo del digitale e la nuova etica”. Luciano Floridi è un esperto di fama mondiale di etica digitale, etica dell’IA, filosofia dell’informazione e filosofia della tecnologia.

A seguire, alle ore 16.30, sarà la volta di Elena Pavan, professoressa associata all’Università di Trento, presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale. Con il suo intervento dal titolo “More than human crime”, durante il quale discuterà del rapporto tra media digitali e partecipazione politica, con focus sul fenomeno della violenza di genere online.

Alle 17.30 verrà illustrato e presentato al pubblico il progetto “BIRI – Il nuovo marketing turistico 2.0” a cura di Paolo Sirena, dirigente della Fondazione Altopiano della Giara che da sempre si occupa di turismo e di direzione museale.

A chiudere la prima giornata di ConnEtica Festival, alle 18.30, sarà Giorgia Soleri che parlerà di “La vita nell’ambiente dei Social Media”. Giorgia Soleri si definisce “femminista guastafeste”, lavora come content creator, influencer e modella. Da qualche anno ha iniziato il suo nuovo percorso da attivista affrontando i temi del femminismo internazionale e sensibilizzando il suo audience sulle malattie urogenitali femminili, tanto da aver portato in Parlamento il tema.

“ConnEtica”, spiegano gli organizzatori, “è un festival che vuole essere, prima di tutto, un’occasione d’incontro e confronto ma anche spazio per laboratori e fucina del presente. Un presente, però, proiettato verso un futuro più consapevole, più etico e quindi più connesso”.

Giorgia Soleri
Giorgia Soleri

Perché a Oristano? La sua posizione strategica, al centro dell’Isola, si rivela un luogo ideale per possibili connessioni internazionali, crocevia tra mondi lontani, lontanissimi ma in realtà così vicini. Ed qui, in questa città, che ConnEtica può tradursi in un grande movimento, capace di muovere persone e idee, simbolo di quel concetto produttivo di cultura digitale.

Cosa si farà? Diversi incontri che vedranno coinvolti attivamente diversi soggetti: dalle istituzioni, ai giornalisti, studiosi, esponenti teorici e non appartenenti a questo mondo digitale. Insieme, coinvolgendo anche le scuole del territorio, affronteranno e svilupperanno un dialogo attivo sul digitale e sulla necessità di un!etica ritrovata in questo spazio difficile da delineare nel suo concetto non fisico.
Un dialogo che sarà occasione di confronti filosofici ma anche pratici, da un punto di vista non solo concettuale/intellettuale ma anche progettuale/pratico. Tre giorni di evento per parlare di digitale ed etica, di interazioni con la scuola e il mondo produttivo e le nuove professioni, ma anche per discutere sull!architettura del paesaggio, in continua evoluzione e che si plasma intorno alle nuove abitudini del futuro.

I temi. Il Festival ruota attorno a tre temi principali: La Società dell’Infosfera, Scuola e Lavoro e La città dei 15 minuti.

Interverranno: Luciano Floridi, Elena Pavan, Paolo Sirena, Giorgia Soleri, Francesco Indovina, Antonello Cabras, Roberto Sedda, Nicola Sanna, Umberto Cocco, Ester Cois, Stefano Usai, Ivan Blecic, Stefano Paschina, Francesco Sonis, Carmelo Di Bartolo, Ivana Pais, Arnaldo Cecchini, Caterina Giannattasio, Oriol Nel-lo.

“Con la rivoluzione digitale e la successiva immersione in un nuovo ambiente chiamato Infosfera, l’uomo perde anche la convinzione di essere il controllore delle informazioni, considerato che i software, esseri non intelligenti ma terribilmente performanti, sono in grado di controllare le informazioni in maniera centinaia di volte più efficienti dell’uomo. È un discorso di come l’uomo si sta modificando antropologicamente a seguito di una rivoluzione che ha avviato, ma che spesso non riesce a controllare”, spiegano dalla associazione organizzatrice. “Nello specifico, il Festival prende spunto dal saggio del filosofo Luciano Floridi “Il verde e il blu”, che contiene molte proposte interessanti in vista della progettazione di una Società equa e sostenibile nell’epoca del digitale, dell’intelligenza artificiale e dell’Internet delle Cose: il “verde” del mondo della vita, in tutti i suoi aspetti, sociale, culturale ed economico e ambientale e il “blu” della Società Digitale. Creando una sinergia tra questi due aspetti, all’interno di una infrastruttura etica adeguata, sarà possibile progettare una Società equa e sostenibile, che non sia travolta e resa schiava dalla potenza del digitale. In particolare, con il coinvolgimento dell’Istituto Superiore di Terralba, che fa parte dell’I. I. S. S. A. De Castro di Oristano – Terralba, e dell’ICS International School di Milano, saranno presentati i risultati di due laboratori, di cui uno il venerdì mattino e uno il sabato mattino sui seguenti temi: 1.Videogiochi dinamici sul territorio e le sue attività; 2. La città dei 15 minuti. La città leggera“.

La gestione del Festival sarà, almeno in parte e nella sua prima annualità, gestita dall’associazione “Oristano e Oltre”, dai Gruppi di Lavoro, dal Comitato Scientifico e dalla Direzione Artistica. La struttura organizzativa di ConnEtica è costituita da 5 comparti: – Comitato Scientifico; – Direzione Artistica e Direzione Organizzativa; – Segreteria Organizzativa; – Ufficio Stampa; – Progetto Grafico e Web.

Fanno parte del comitato scientifico: Ester Cois (sociologa, professoressa al Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche della Facoltà di Scienze Economiche e prorettrice dell’Università di Cagliari), Stefano Usai (già Presidente della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche di Cagliari e professore ordinario del Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali), Ivan Blecic (Professore associato nel Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura e Responsabile scientifico del Progetto PAC PAC finanziato da Sardegna Ricerche). Mentre la direzione artistica è coordinata da Francesca Caddeo, esperta di eventi. Le tre serate saranno moderate dall’architetta Maura Falchi, dal giornalista Umberto Cocco e dal presidente Giampiero Vargiu e dal vicepresidente Riccardo Scintu dell’Associazione di Promozione Sociale “Oristano e Oltre”.

Partner del Festival. La prima edizione di ConnEtica, il Festival delle interazioni tra digitale ed etica, nasce grazie alla collaborazione e con il patrocino del Comune di Oristano e dell’Assessorato alla Cultura, e con il sostegno di Fondazione Oristano e Fondazione di Sardegna. Tra i partner anche il Consorzio UNO – L’Università a Oristano, l’Istituto di Istruzione Superiore “S.A. De Castro” di Oristano e Terralba, Socie e Soci di Bancaetica – Sardegna del Sud, Fondazione Finanzaetica, Prysm Lab di Riccardo Ortu e UnipolSai Assicurazioni.

Mercoledì, 3 novembre 2021

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.