Ha iniziato la sua avventura “a marzo 2019”, investendo svariate migliaia di euro: “Quindicimila, necessari per acquistare giochi, gonfiabili, condizionatori, stereo, sedie, tavoli, microonde”. Una nuova scommessa lavorativa, quella di Melissa Secci, 35enne di Dolianova, che però è stata falcidiata dal Coronavirus. Meglio, dalle restrizioni legate alla pandemia. Dopo un primo anno con “tre collaboratori e decine di feste organizzate”, a marzo arriva la prima mazzata: “Lockdown. Sono rimasta chiusa sino a tre settimane fa. Se l’estate scorsa avevo avuto cinquanta bimbi iscritti per la ludoteca, quest’anno non ne ho avuto nemmeno uno. Due collaboratori se ne sono andati a marzo, siamo rimasti io e il mio compagno”. Tre settimane fa, la resurrezione. Solo temporanea, purtroppo: “Mi sono entrate 4 feste, ne avevo altre otto in agenda ma le ho dovute disdire per colpa del nuovo Dpcm, valido da oggi”. Così, l’amara decisione: “La sala feste e ludoteca ‘Divertilandia’ di via Arbarei a San Sperate chiude”.

Una beffa, per la Secci: “Ora mi restano i debiti. Devo dare ancora tredicimila euro a chi gestiva la sala prima di me, perchè mi ha venduto tutti i gonfiabili e le attrezzature a rate. Inoltre, sono in ritardo con gli affitti degli ultimi mesi. C’è stato molto spazio per le lacrime e i pianti”, confessa la giovane. “E continuerò a versarne sino a quando non estinguerò tutti i debiti. Mi sento trattata dallo Stato come una lavoratrice di serie C”, afferma, decisa, la 35enne: “Non ho partita Iva, quindi non mi hanno dato nemmeno il bonus di seicento euro legato al periodo del lockdown. Se c’è una situazione di emergenza bisogna aiutare tutti, non solo alcune categorie di lavoratori”.

L'articolo “Feste vietate, clienti scomparsi da marzo: costretta a chiudere la ludoteca a San Sperate” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sardegna News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

Pizzeria da Birillo

Radio Fusion