A Cassano delle Murge, 61enne colpito anche alla testa

(ANSA) - BARI, 20 MAR - Avrebbe minacciato di morte il padre 61enne e poi lo avrebbe colpito con un coltello da cucina ferendolo in varie parti del corpo e provocando le lesioni più gravi alla testa. E' accaduto a Cassano delle Murge, nel Barese, dove i carabinieri hanno arrestato un 28enne con l'accusa di tentato omicidio.

L'aggressione, al termine di un litigio, è avvenuta in piena notte in casa di una famiglia di origini albanese. All'ennesimo diverbio riconducibile alla difficile convivenza familiare, il figlio, disoccupato, avrebbe prima minacciato di morte il padre e poi, in presenza della madre che lo invitava invano a desistere, avrebbe afferrato un coltello da cucina della lunghezza di 20 centimetri colpendolo in varie parti del corpo e anche al capo, dove il 61enne ha riportato le lesioni più importanti. Il padre è riuscito a fuggire a piedi con la moglie e a chiedere aiuto ai carabinieri, i quali hanno ricostruito l'intera vicenda e i comportamenti vessatori del figlio che andavano avanti da tempo nei confronti del padre, mai denunciati prima. L'uomo, trasportato al pronto soccorso dell'ospedale di Acquaviva delle Fonti, è stato ricoverato con prognosi di 30 giorni per le ferite riportate alla testa. Il 28enne, rintracciato e arrestato dai militari poche ore dopo i fatti, è stato portato in carcere con l'accusa di tentato omicidio, aggravato dal vincolo di parentela e dall'uso del coltello.

(ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.