''Vorrei chiedere scusa alla famiglia di Speranza per il pasticcio che ho combinato. Scusa alla mia famiglia per tutta la situazione che ho creato. A voi per tutto questo, alla Procura per tutto il lavoro che ha dovuto fare''. Al processo in corso alla Corte d'assise di Sassari per l'omicidio di Speranza Ponti, la donna trovata morta in un cespuglio alla periferia di Alghero, uccisa nel dicembre 2019, l'imputato Massimiliano Farci cerca il colpo di scena.
    Davanti alla corte riunita per ascoltare le requisitorie dei pm Angelo Beccu e Beatrice Giovannetti, Farci ha chiesto di fare dichiarazioni spontanee. Si scusa, ma continua a proclamarsi innocente. ''Mi dispiace non avere chiesto aiuto quando ho trovato Speranza morta. L'ho fatto per cuore, per esaudire un desiderio di Speranza. La amavo in maniera bella, pulita.
    Porterò il suo ricordo nella testa per il resto dei miei giorni.
    La mia paura era di non essere creduto allora, come di non essere creduto ora. Non ho mai toccato nessuno in vita mia, tantomeno Speranza''.
    Farci nella sua versione ha sempre dichiarato di avere trovato Speranza morta in casa, suicida. E di avere poi portato il cadavere su una collinetta alla periferia di Alghero perché quello era un luogo caro alla sua compagna.
    L'udienza prosegue con le requisitorie dei due pm.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Fonte: Ansa Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.