Nella trappola cade un 46enne di Villacidro: pensava di chattare con una donna invece è stato ricattato dopo essersi denudato davanti alla telecamera

VILLACIDRO. Pensava che dietro quelle foto su Facebook ci fosse veramente una ragazza avvenente, ma in realtà quel profilo social era stato creato da truffatori per adescare le vittime e tentare di estorcere loro denaro. È accaduto a un operaio di 46 anni di Villacidro, vittima di un tentativo di estorsione a luci rosse.

L'uomo, a novembre dello scorso anno, ha conosciuto sul social network quella che pensava fosse una giovane donna molto attraente. Ha chattato con lei e alla fine la «finta» donna lo ha convinto a denudarsi davanti alla telecamera. Il gioco erotico però si è trasformato in un tentativo di estorsione: chi si celava dietro il profilo della giovane, infatti, ha chiesto all'operaio 2000 euro per non diffondere le immagini.

Il 46enne non si è lasciato intimidire, si è rivolto ai carabinieri che sono riusciti a risalire alla vera identità del profilo: un 55enne di Modena. L'uomo è stato denunciato per tentata estorsione. Sono in corso le indagini per risalire ai complici. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.