"Ad oggi siamo completamente bloccati.

A parte Liguria, Veneto, Emilia Romagna e Abruzzo, le altre regioni come la Sardegna non hanno autorizzato lavori di manutenzione: sono fiducioso ma i tempi sono stretti".

Alberto Bertolotti, gestore di un chiosco con concessione per i servizi sulla spiaggia di Chia, nella costa sud occidentale della Sardegna, e vice presidente nazionale del sindacato nazionale balneari sta attendendo un segnale da Roma.

"Se e quando apriremo il nostro operato sarà solo servizio pubblico, il profitto d'impresa sarà un miraggio - spiega - sarà impossibile chiudere il conto economico in pareggio: dobbiamo infatti dimenticarci il mercato straniero e ci sarà solo quello solo locale".

Citando poi una recente ricerca di Confturismo-Fipe, secondo la quale al massimo si potrà sperare di arrivare al 25% del fatturato del 2019, Bertolotti preannuncia con amarezza: "Ci aspetta una lunga traversata in piano oceano in tempesta senza viveri e senza acqua". Nel frattempo però guarda avanti e propone che , per la questo scampolo di stagione, si possa puntare su servizi dedicati, come "la ristorazione direttamente sotto l'ombrellone".

Ma il vero punto della questione - specifica - è come far rispettare le misure nelle spiagge libere. "Noi, responsabilmente, siamo pronti a offrire questo presidio ma bisogna pensare, ad esempio, ad un contingentamento degli ingressi nei litorali - conclude - E poi bisogna sentire gli imprenditori: e serve un protocollo unico nazionale per definire le prescrizioni da adottare".

Fonte: Ansa

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.