L’esplosione è avvenuta mercoledì scorso durante le operazioni di rifornimento di benzina di un motoscafo ormeggiato nel porto turistico di Ponza. Le immagini impressionanti sono state catturate da una telecamera di sorveglianza. Nella clip si vede una donna in bikini a bordo che passa il tubo per il rifornimento al benzinaio sul molo, mentre un uomo al timone, senza fare prima aspirare i vapori di gas che si accumulano durante il rifornimento nella sentina, cerca di avviare il motore quando la barca si muove leggermente e dopo pochi attimi avviene la deflagrazione. La donna viene scaraventata in aria ma per sua fortuna cade in acqua e riesce ad allontanarsi. Il benzinaio, dopo essere saltato per un attimo a bordo, si tuffa immediatamente in acqua, seguito poco dopo anche da marito e figlia della donna che al momento dell’esplosione si trovavano a bordo. Per fortuna l’incidente si è risolto con un grosso spavento ma senza conseguenze serie per nessuna delle persone coinvolte ma solo con alcune escoriazioni. Sul caso , evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sta indagando la Procura di Cassino, che ha aperto un fascicolo sul caso.

Ecco il video: https://youtu.be/j4crM1iUypk

 

L'articolo Esplode motoscafo durante il rifornimento, tre feriti – IL VIDEO proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.