Oltre 300 caso di variante inglese del Covid nel cagliaritano. I numeri forniti da Nando Coghe, direttore del Laboratorio Analisi Chimico Cliniche e Microbiologia del Policlinico di Monserrato. “Nell’ultimo mese abbiamo individuato 414 casi di variante inglese, ma nell’ultimo periodo il dato è cresciuto. C’è un abbassamento dell’età dei contagi che dipende dalle abitudini di vita e dalla maggiore imprudenza che le fasce di età più giovani, mentre gli anziani sono più solerti.

Per sconfiggere il virus ora serve vaccinare celermente più persone possibili nel mondo. Ma serve una politica degli stati che non abbandoni i paesi più poveri, perché c’è il rischio che nei paesi non immunizzati possano esplodere varianti del virus molto aggressive”.

Coghe ha sottolineato il ruolo della variante spagnola “che nella seconda ondata ha fatto una strage in Sardegna, danni più gravi rispetto alla prima ondata. Ora con la variante inglese non assistiamo a un incremento dei ricoveri, si riesce a contenere meglio il fenomeno con le cure domiciliari, perché il virus ha una patogenicità inferiore rispetto alla precedente, anche perché colpisce i giovani che hanno meno comorbilità. La situazione resta preoccupante, ma meno drammatica”.

Risentite qui l’intervista a Nando Coghe del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/553817268917391/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.