Esalazioni di gas da un serbatoio, muore un operaio di Nurachi
Tragedia sul lavoro in un condominio di Alghero

Un operaio di Nurachi ha perso la vita in un incidente sul lavoro ad Alghero. Lidio Piras, 51 anni, dipendente di un’azienda di manutenzioni di Oristano, doveva fare un intervento sul serbatoio del gas all’interno di un condominio di via Costa, a un centinaio di metri dalla caserma dei carabinieri.

Per cause che dovranno essere accertate, l’uomo ha perso i sensi: quando qualcuno l’ha visto a terra accanto al serbatoio, non c’era più niente da fare.

Sul luogo della tragedia sono intervenuti i vigili del fuoco, un’ambulanza del 118 e i carabinieri della Compagnia di Alghero, che hanno avviato le indagini.

Dai primi riscontri sembra che l’operaio stesse lavorando senza maschera antigas – riferisce l’agenzia ANSA – e possa aver perso conoscenza a causa delle esalazioni provenienti dal serbatoio.

Su disposizione della magistratura, il corpo della vittima è stato trasferito all’Istituto di medicina legale di Sassari, dove sarà effettuata l’autopsia.

La notizia della tragedia ha suscitato sgomento a Nurachi. Separato, padre di una bambina, Lidio Piras era molto conosciuto e benvoluto da tutti in paese. Era un gran lavoratore e quando poteva aiutava nei campi la famiglia d’origine, molto unita.

Giovedì, 15 aprile 2021

L'articolo Esalazioni di gas da un serbatoio, muore un operaio di Nurachi sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.