Stava realizzando il suo sogno dopo cinquant’anni trascorsi nel “Continente”: godersi la sua meritata pensione nella sua amata terra natia, la Sardegna. Gianfranco Pani, 65 anni, stimato odontotecnico, originario di Tortolì, emigrato a soli 14 anni nella provincia di Torino, dopo una vita di lavoro e tanti sacrifici, ha deciso di tornare  nella sua Isola.
Qui, in Ogliastra, a Tortolì, ha iniziato a costruire la sua “casa della vecchiaia”. Peccato però che questo sogno sia stato sporcato. Ignoti si sono addentrati nei giorni scorsi nella sua abitazione in costruzione in località Su Muru Nou, in via Dessì, svaligiandola. Hanno portato via di tutto: nove porte artigianali facilmente riconoscibili perché appunto uniche, due boxe doccia, una vasca, mobili, e vari arredi per un valore di circa 20 mila euro.
L’uomo ovviamente ha fatto denuncia ai carabinieri della stazione locale che stanno indagando sul furto. Ma ovviamente l’amarezza è tanta: non solo per il denaro che dovrà spendere per acquistare nuovamente tutto, ma perché mai avrebbe pensato potesse succedergli questo.
Pani lancia un appello: “Chiunque possieda gli arredi, che sono sotto denuncia alle autorità competenti, anche non essendo autore del furto, può essere incriminato per incauto acquisto. Aiutatemi a ritrovare la refurtiva”.
(Nella foto gli arredi rubati)

 

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.