Oristano

Durissimo documento: “Non si può operare nell’improvvisazione”

Dall’Ordine dei medici della provincia di Oristano riceviamo e pubblichiamo

—–

L’ Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Oristano, alla luce degli ultimi drammatici avvenimenti, esprime sconcerto e rabbiosa inquietudine per l’esito catastrofico su cui è venuta a franare l’assistenza sanitaria in città e nell’intera provincia, colta, ancora una volta, impreparata di fronte all’ennesima emergenza causata dalla carenza di professionisti e personale sanitario davanti alla nuova inarrestabile ondata di contagi e ricoveri dovuti al coronavirus.

Dopo anni di denunce da parte dell’Ordine e dei Sindacati sul progressivo indebolimento della Sanità pubblica nel nostro territorio, a due anni dalla comparsa del Covid19, è imperdonabile, ci si ritrovi oggi col Pronto Soccorso del San Martino occupato da pazienti covid, alcuni dei quali in condizioni gravissime, con gran parte del personale operativo contagiato e quindi posto fuori servizio dai turni di lavoro.

Con un solo medico rimasto in servizio per i codici rossi e gialli, di fatto, il P.S. è nuovamente chiuso, mentre nei reparti del San Martino si contano decine di persone infette, tra sanitari e utenti.

E’ da sottolineare l’abnegazione con cui medici e operatori hanno continuato e continuano a lavorare, nonostante le enormi difficoltà. Ma i rischi e le responsabilità devono assumersi in un contesto di complicata criticità, costretti, in tale situazione, a proseguire per ore, dopo aver terminato il proprio turno, rischiando di superare il livello di tolleranza e stress correlato, con possibili e prevedibili gravi conseguenze.

Questa situazione ha portato alla malattia da Covid 19 molti medici. In Sanità e nella assistenza non ci si improvvisa, ci  vogliono competenze organizzative, non si può operare nell’improvvisazione, pur capendo l’emergenza del momento.

I medici e gli altri operatori sanitari  hanno pagato e stanno continuando a pagare con enorme sacrificio le deficienze organizzative.

Ci siamo resi disponibili  anche nel passato per una collaborazione fattiva ma tutto ciò non è avvenuto.

Nonostante le ripetute rassicurazioni e gli impegni assunti dai vertici politici regionali e locali dell’amministrazione sanitaria, le inefficienze e le carenze di personale e mezzi, lungi dall’essere risolte, sono peggiorate ulteriormente, sia nei presidi ospedalieri che nei servizi territoriali. Comuni della provincia, come Cabras e Uras, oltre a quelli già in sofferenza da mesi, si trovano nella drammatica condizione di avere centinaia di residenti privi dell’assistenza della Medicina di Base e della Guardia Medica.

La denuncia espressa in questi giorni nelle note inviate dai Sindacati dei Medici ospedalieri, dal Sindacato dei Medici di Medicina Generale e dei Comitati dei cittadini, è pienamente sostenuta e condivisa dall’Ordine, che  da anni ormai, sempre in prima linea, porta avanti una battaglia instancabile nella difesa della Sanità cittadina e provinciale.

Ribadiamo a gran voce che in questo momento è necessario e indispensabile nella nostra provincia, che non può più garantire le emergenze e i livelli essenziali di assistenza previsti dalla legge, che coloro che sono demandati a gestire la Sanità Pubblica, provvedano con urgenza immediata a colmare le colpevoli carenze e ripristinare sicurezza di servizi e operatività, che riporti dignità di assistenza e cura ai cittadini della nostra comunità territoriale.

Lunedì,  7 febbraio 2022

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.