Emergenza a Cagliari per la scomparsa di una bimba di appena 11 anni, nata in Italia ma di origini russe. Alexandra Dudina è un fantasma da molte ore. La madre, Sofya Orlova, ha già presentato una denuncia di scomparsa ai carabinieri: stando al suo racconto, “alle 8:18 si è allontanata dalla nostra abitazione, in via Mandrolisai, senza comunicare dove fosse diretta. Mi sono accorta della sua assenza alle 11 perchè stavo dormendo e non mi sono accorta di nulla”. La piccola deve prendere delle medicine, sempre stando alle dichiarazioni della madre. “Circa un mese fa ha simulato l’entrata a scuola, poi si era allontanata ed era stata ritrovata due ore dopo dalla polizia con alcune ferite alle braccia”. La bambina non ha il cellulare. “È alta 170 centimetri, capelli neri, occhi celesti, carnagione chiara”. Al momento della scomparsa la bambina indossava “pantaloni di colore crema con cuori marroni, scarpe bianche e felpa nera con cappuccio e dei cavalli disegnati, e ha uno zaino di marca Vans di colore nero e 35 euro”.“Siamo disperate”, dice la madre, “ho paura che le sia successo qualcosa. Chiunque la veda la fermi e chiami sia me al +393273308030 sia le Forze dell’ordine”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.