L’aeroporto di Elmas finisce ko per ore a causa del nubifragio. Voli dirottati o in ritardo, passeggeri e lavoratori costretti a camminare con l’acqua sin sopra le caviglie. Tanti problemi, segnalati in tempi reale sui social dai passeggeri in transito nel principale scalo sardo nel bel mezzo dell’estate 2022. E non va meglio, di certo, nel mega multipiano privato, dove si è rischiata una tragedia. A raccontare cosa è capitato è un nostro lettore, Gianluca Matta.

 

 

“Un lampione, a causa della tanta acqua, si è staccato ed è precipitato dal terzo piano del multipiano degli autonoleggi. Per fortuna, al momento del crollo, non stava passando nessuno”.

 

Voli in ritardo in arrivo e in partenza e tre collegamenti dirottati su Alghero a causa del fortunale abbattutosi si Cagliari nel pomeriggio.

 

La grande quantità di acqua ha provocato gravi infiltrazioni anche all’interno dello scalo di Elmas, con la conseguente impossibilità per i passeggeri a varcare i controlli di sicurezza.

L'articolo Elmas, aeroporto ko per il temporale: terminal invaso dall’acqua, nel multipiano precipita un lampione proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.