Si erano lasciati da poche settimane, ma lui non aveva mai sopportato la fine della relazione. Sarebbe questo il movente, di natura passionale, che ha spinto Nabil Dhahri ad accoltellare a morte, ieri, a Sassuolo, i due figli di 2 e cinque anni, la suocera Simona Fontana di 64 anni e la sua ex moglie, Elisa Mulas, 43enne di origini sarde. Il tunisino, commesso in un discount, ha compiuto una strage accecato dall’odio, prima di togliersi la vita. Elisa aveva confidato che riceveva messaggi con minacce, anche di morte, dal suo ex: richieste pressanti di poter vedere i bambini, “sennò ti ammazzo”. E la 43enne aveva anche denunciato tutto alle Forze dell’ordine, ma non è bastato. Ieri, nel suo appartamento di Sassuolo, ha cercato sino all’ultimo di proteggere i suoi due bambini e la mamma dalla furia dell’omicida. I vicini hanno sentito urla disperate, come riporta anche il nostro giornale partner Il Resto del Carlino: “No, ti prego, i bambini no”. Poi, il silenzio, sino alla scoperta fatta dal fratello di Elisa, chiamato dalle maestre della scuola dell’altra figlia, un’undicenne, scampata per miracolo al massacro.

 

Una strage che sconvolge tutta l’Italia e una città, Sassuolo, giudicata da sempre come una tranquilla realtà di provincia.

L'articolo Elisa Mulas uccisa coi suoi figli a Sassuolo dall’ex accecato dall’odio: “Non tollerava la fine della relazione” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.