Elena Ciccu, di Capoterra, cantante e animatrice, sabato scenderà in piazza dei Centomila per la manifestazione pacifica: “È arrivato il momento che le persone si sveglino e alzino la voce. Dobbiamo ricominciare a lavorare, sempre in sicurezza perché c’è una pandemia e dobbiamo proteggerci con le mascherine. Non siamo noi lavoratori il problema.Come tutte le categoria, anche la mia è passata nel dimenticatoio: da 15 mesi il mio lavoro è fermo, ho sempre lavorato nelle piazze della Sardegna tra le feste patronali e le sagre ma da quando è scoppiata la pandemia anche il mio lavoro è stato fermato: io ci vivevo, sono mamma e ho una bimba di 4 anni.Chi può dirci quale lavoro è o non è indispensabile se quel determinato lavoro ci da il pane tutti i giorni.Ho terminato le lacrime,c’è tanta rabbia per gli amici che hanno preso il covid e stanno male, rabbia per chi ha perso amici, parenti, lavoro, tutto.Rabbia quando vedo un padre di famiglia al supermercato che fa la spesa con la testa bassa.Sono sempre meno le persone unite, zitticome cani che obbediscono. Però possiamo essere anche la voce che può arrivare dove vuole, siamo il confine della nostra libertà, abbiamo il diritto di cambiare tutto e ricominciare in sicurezza. Il popolo sardo è sempre stato unito, io sabato 17 sarò in piazza a manifestare”.Risentite qui l’intervista a Elena Ciccu di Paolo Rapeanu e Gigi Garau https://www.facebook.com/castedduonline/videos/497540048097632/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.