Il vicepresidente della Fipe, Efisio Mameli, a Radio Casteddu: “Le istituzioni ci hanno fatto capire che non sono stati all’altezza e non sono critiche che faccio io ma la nostra organizzazione. Stanno cominciando a partire a livelli a ritmi interessanti le vaccinazioni, questo è l’unico dato positivo, e quei dati pare siano proprio reali. Ci sono delle piccole aziende che non riapriranno ed è un dramma. Dei Ristori, poi, non se ne parla: non ne abbiamo visto se non qualcosa. Però c’è da dire che noi ce lo aspettavamo perché il clima ci aiuta e le penitenze le abbiamo subite:  probabilmente si riparte.Per quanto riguarda gli spazi all’aperto, problemi ce ne sono ancora e per scaramanzia, per come abbiamo visto certi passaggi, certi meccanismi di scelta, resto molto cauto per il futuro. Per esempio, la nostra struttura non ha spazio esterno perché è in via Eligio Porcu e non è pedonabile però a fianco c’è un porticato. Si vedrà.La notte tardo a prendere sonno, dormo poco e penso ai miei 18 dipendenti in cassa integrazione”.Risentite qui l’intervista del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/542046470534492/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.