La gente sta più a casa, a ruba le bustine monodose

(ANSA) - NEW YORK, 06 APR - Dopo la carta igienica, la farina, i disinfettanti ora gli Stati Uniti sono a corto di ketchup. A ruba, scrive il Wall Street Journal, soprattutto le bustine monodose, visto che con i ristoranti aperti solo per il cibo da asporto o per la consegna domicilio non è più possibile usare il condimento in bottiglie ai tavoli. Allo stesso tempo, con le persone costrette a stare a casa, è aumentato il consumo delle bottiglie di ketchup.

Il boom nella domanda ha messo alle strette anche il principale produttore della salsa rossa, Heinz. Anche se la multinazionale ha il controllo del 70% del mercato di ketchup, non era tuttavia preparata per la pandemia e per far fronte alle richieste ha deciso di aprire due nuovi stabilimenti in modo da aumentare la produzione del 25%. Sempre secondo quanto scrive il Wsj la salsa a base di pomodoro è la più consumata sulle tavole dei ristoranti in Usa. Lo scorso anno ne sono state prodotte 300 mila tonnellate. I numeri aumentano ulteriormente quando si parla di consumo domestico, in quel settore le vendite hanno superato il miliardo di dollari nel 2020, pari ad un 15% in più rispetto al 2019. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.