L’ala biancoblù domina tra gli Under 24 della A1 di basket: primo in quasi tutte le voci statistiche, dai punti agli assist

SASSARI. Il mister Wolf biancoblù è un under 24 e si chiama Jason Burnell. Risolve problemi, Jason, perché come il famosissimo problem solver interpretato da Harvey Keitel nel “Pulp Fiction” griffato Quentin Tarantino, agisce nell’ombra lasciando però segni indelebili (ed efficaci) del suo passaggio. Il tutto, trasporto sul campo da basket, sotto l’attenta regia di coach Pozzecco. Non sono similitudini buttate al vento. Lui, se ti occorre, c’è. E non c’è nemmeno bisogno di chiamarlo al telefono: c’è, e basta. Lo senti, e te ne accorgi. @filo-0.5,0,0,0,0,0,0>

Sono i numeri a parlare. E a fare la differenza. Numeri da rapportare all’età anagrafica dell’ala classe 1997 nata a Deland. Burnell ha 24 anni. È alla sua prima stagione biancoblù dopo quella da rookie vissuta lo scorso anno a Cantù. È perno del quintetto sassarese. È uno dei protagonisti in maglia Dinamo Banco di Sardegna. Uno dei più interessanti attori sul palcoscenico della Lega A, ennesimo coniglio dal cilindro pescato dal Banco nella sua storia recente. Un approfondimento sugli under 24 curato dallo staff di “Spicchi d’Arancia” ha evidenziato come la massima serie di pallacanestro italiana “non sia un campionato per giovani”. @filo-0.5,0,0,0,0,0,0>

Gli under 24 sono 66, sparsi per i vari roster di Isole e Stivale, ma solo 4 di loro hanno una media da almeno 24 minuti di gioco a partita. Uno dei fantastici 4 è proprio Jason Burnell, gli altri sono Strautins Maye e Candi. Elemento duttile dalla forte propensione al rimbalzo, non disdegna sporcare e intercettare le traiettorie dei palloni avversari e mette in mostra una buona capacità di gioco spalle a canestro, ha inoltre mano che sa dispensare assist e può essere educata anche dall’arco dei 6.75. Nelle particolari classifiche stilate sul rendimento degli under 24 secondo le varie voci statistiche, Jason Burnell è nome quasi onnipresente. E molto, molto dominante. @filo-0.5,0,0,0,0,0,0>

Come del resto avevano evidenziato alcune sue statistiche, Burnell è primo per media punti realizzati (13.6), primo per percentuale di tiri da due realizzati (57.4), è primo per assist regalati ai compagni (3.6) e primo anche per valutazione (18.6). Ma Jason è anche secondo alle spalle di Strautins di Varese per media rimbalzi catturati (6.5) e alle spalle di Pajola della Virtus Bologna per media recuperi per singolo match (1.2). Il lungo biancoblù è invece terzo dietro Strautins e il play di Reggio Leonardo Candi rispetto ai tiri liberi (74.5) mentre scende dal podio solo e soltanto per quanto riguarda i tiri da tre che peraltro, sono comunque parte del suo ricco repertorio. Cifre che non devono assolutamente far pensare che Jason Burnell sia “soltanto” un giovane di belle speranze. La promessa è rivelata, ha le sembianze di un longilineo mister Wolf e - all’occorrenza - risolve problemi. @filo-0.5,0,0,0,0,0,0>

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.