Due Usca in più e una nuova Tac in arrivo all’ASSL di Oristano
Ma continua l’esodo del personale sanitario dai reparti ospedalieri 

Saranno attivate nella ASSL di Oristano altre due USCA, le Unità Sanitarie di Continuità Assistenziale destinate all’assistenza territoriale dei malati di Covid. Lo ha annunciato la direttrice della ASSL, Valentina Marras, nel corso di un incontro in municipio a Oristano con il sindaco Andrea Lutzu, la Commissione speciale Sanità, i rappresentanti sindacali e le associazioni di pazienti. Marras ha comunicato che in questi giorni sono in arrivo undici nuovi medici da impiegare appunto nelle due nuove unità assistenziali, destinate ai distretti sanitari di Oristano e di Ghilarza.

Le due nuove Usca si aggiungono a quella operativa sin dall’inizio della pandemia presso il distretto di Terralba-Ales. Un servizio che si era rivelato subito inadeguato a fronteggiare  tutte le esigenze della provincia: prima per la insufficiente dotazione di infermieri e poi per l’abbandono di alcuni medici che ne facevano parte. Da qui l’impossibilità di garantire le visite domiciliari ai pazienti in isolamento domiciliare, diventati molto più numerosi nella seconda fase dell’epidemia.

Durante l’incontro è stato affrontato anche il problema del continuo esodo di personale sanitario dalla ASSL di Oristano verso le altre dell’isola. Trasferimenti mai seguiti dalla sostituzione del personale e alla base della ridotta operatività di importanti servizi, come nei recenti  casi del  reparto di Oncoematologia del San Martino, del reparto di Ematologia, del servizio di Diabetologia, con i conseguenti disagi per i pazienti interessati, costretti a pesanti e onerose trasferte.

La direttrice Valentina Marras ha annunciato anche l’imminente collaudo di una nuova e moderna Tac da impiegare nell’ospedale San Martino. Un macchinario atteso da un anno mezzo, da quando cioè era stata perfezionata la gara internazionale bandita dall’ATS per il suo acquisto. Dalla sua assegnazione a Oristano però, niente era stato fatto per garantirne la messa in funzione, che dipendeva da alcuni alcuni interventi di adeguamento strutturale dei locali che la dovranno ospitare. La nuova Tac, indispensabile anche per valutare la stadio raggiunto dalla malattia nei pazienti Covid, si aggiunge alle due già in funzione (una delle quali però ha capacità diagnostiche limitate) e consentirà di aprire ai pazienti esterni il suo impiego, ora limitato ai ricoverati del San Martino.

Niente da fare invece per l’impianto per l’esame dei tamponi Covid, atteso nel  laboratorio analisi dell’ospedale di Oristano. La direttrice Marras ha confermato che il dispositivo, destinato in un primo momento al San Martino, è stato inspiegabilmente dirottato e assegnato a San Gavino. L’ennesima e evidente dimostrazione della scarsa attenzione delle autorità sanitarie regionali e locali per le esigenze della sanità oristanese.

Giovedì, 26 novembre 2020

L'articolo Due Usca in più e una nuova Tac in arrivo all’ASSL di Oristano sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.