Si è concluso con il segno positivo, nonostante le difficoltà connesse all’emergenza sanitaria mondiale, il bilancio 2020 delle attività dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli, Direzione Territoriale Toscana, Sardegna e Umbria, diretta dal dott. Roberto Chiara. Tanti, come noto, i settori delegati all’ADM, sia in campo tributario che extra-tributario: dai controlli e accertamenti su accise, dazi doganali e IVA, a quelli su importazione ed esportazione di valuta, alla verifica delle merci in transito, ai traffici illeciti di droga e sigarette, alle deleghe su ambiente e rifiuti, alla lotta alla contraffazione e tutela del Made in Italy, alla sicurezza dei prodotti (alimentari, farmaceutici, DPI Covid-19, giocattoli, etc.), alla sorveglianza su giochi e tabacchi, fino alla più recente gestione della lotteria degli scontrini.
Sotto il profilo meramente contabile, grazie alle capillari attività, tradotte in oltre 48milaoperazioni di controllo (documentali, c/o aziende, su passeggeri in transito in porti e aeroporti,
etc.), la ADM Toscana, Sardegna e Umbria ha garantito la riscossione di quasi 4 miliardi di euro di dazi doganali, Iva all’importazione e accise, l’accertamento di oltre 195 milioni di euro di
maggiori diritti accertati nei settori dogane e accise (con un incremento del 26% rispetto all’anno precedente) e, sotto il profilo del sostegno alle imprese e all’economia, quasi 131
milioni quali riaccrediti o agevolazioni liquidate agli operatori, principalmente del settore autotrasporti.

 

Focalizzando l’attenzione sulle attività svolte in Sardegna, particolarmente significativo è risultato anche il contrasto agli illeciti extra-tributari, da cui è scaturito l’accertamento di un elevato numero di violazioni e il conseguente sequestro di ingenti quantitativi di merce. – COVID-19: l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli adotta ogni azione utile allo sdoganamento diretto e celere dei dispositivi di protezione individuale (DPI) e degli altri beni mobili necessari al contrasto alla diffusione del Covid-19. Presso il Porto Canale di Cagliari sono state sdoganate con procedura veloce 50 mila mascherine DPI, dimostrazione dell’incessante impegno per far fronte all’emergenza sanitaria in atto. L’attenzione dei funzionari ADM si è concentrata inoltre sul controllo del materiale sanitario importato col sequestro, tra Sassari e Alghero, di 9 mila mascherine risultate non conformi. – Traffico di valuta: negli aeroporti sardi gli importi non dichiarati superano gli 84mila euro. La normativa valutaria stabilisce l’obbligatorietà della dichiarazione per i trasferimenti di denaro contante di importo pari o superiore a 10.000 euro. Lotta al traffico di stupefacenti: nel corso del 2020 sono stati sequestrati dai funzionari ADM in Sardegna 25 kg di marjiuana del valore di 229 mila euro. Tutela dell’ambiente: nel settore ambiente sono stati sequestrati 46.500 kg di rifiuti plastici, rinvenuti al Porto Canale di Cagliari in due container destinati in Turchia e dichiarati
materiale per l’industria della plastica. Contraffazione: i funzionari ADM operano negli spazi doganali e, su delega dell’Autorità giudiziaria, sull’intero territorio nazionale e contrastano l’importazione, l’esportazione e la circolazione delle merci sospettate di contraffazione. Possono procedere alla visita delle merci e al loro sequestro, alle consegne controllate di spedizioni sospette, ai controlli a posteriori con
accesso presso i locali commerciali delle aziende, così come previsto dal codice doganale e dalle norme nazionali. Nel corso del 2020 sono stati firmati 4 importanti Protocolli d’Intesa nell’ambito della lotta alla contraffazione e all’abusivismo commerciale, al fine di contrastare i fenomeni della criminalità perpetrati ai danni delle imprese nonché di rafforzare i sistemi di sicurezza passiva a tutela delle stesse. Gli atti sono stati perfezionati con i Comuni di Sassari (24 giugno), Olbia (23 luglio), Porto Torres (8 ottobre) e Alghero (9 ottobre). – Sicurezza dei prodotti: ADM adotta procedure di controllo su prodotti soggetti a
prescrizioni comunitarie o nazionali che ne richiedano la rispondenza a specifiche caratteristiche di “sicurezza” e/o di “conformità”. Nel 2020 sono stati sequestrati presso gli aeroporti di Alghero, Cagliari e Olbia 253 kg di prodotti alimentari (carne, latticini, pesce e vegetali) sprovvisti di certificazione sanitaria. Imbarcazioni: nell’ambito dei controlli volti a contrastare il contrabbando e l’irregolare permanenza nelle acque comunitarie di imbarcazioni da diporto, sono state sequestrate 3 imbarcazioni a vela. Nell’ambito dei reati di immigrazione clandestina, invece, sono state distrutte 70 imbarcazioni su un totale di un centinaio confiscate. Rimborsi accise: è stata altresì intensa anche l’attività in favore dell’utenza e a sostegno delle imprese sul fronte delle agevolazioni e delle compensazioni economiche in materia di accise. Nel 2020, infatti, sono state liquidate agli operatori agevolazioni economiche per complessivi 47,86 milioni di euro tra agevolazioni agli autotrasportatori (24,69 milioni), riaccrediti (23,10 milioni) e agevolazioni ai tassisti (65 mila euro).

L'articolo Droga, 25 chili di marijuana sequestrati in un anno nei porti e aeroporti sardi proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.