Si è tolto la vita impiccandosi nel capannone della sua azienda in provincia di Napoli. Non riusciva più a pagare le scadenze, i fornitori, i dipendenti a causa della chiusura forzata da due mesi per l’emergenza coronavirus. Così Antonio Nagaro, 57 anni, imprenditore, ha deciso di farla vita. E’ la prima “vittima” della crisi economica causata dall’emergenza sanitaria.

Come riporta il Corriere l’allarme è stato lanciato dai suoi familiari ieri in serata quando lo aspettavano invano a casa. Il suo telefono squillava senza risposte. Poi la macabra scoperta nel capannone della ditta. L’imprenditore avrebbe lasciato una lettera d’addio sequestrata dalla procura di Napoli.

 

 

 

 

L'articolo Dramma a Napoli, imprenditore si toglie la vita: non ha retto alla crisi causata dal coronavirus proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.