Santu Lussurgiu

Alla Milano Fashion Week lo stilista di Alghero presenta un video girato nel bosco ferito dal fuoco

“Rinascerà tutto più rigoglioso di prima, ritornerà il verde e rifioriranno le rose. Guarirà quella ferita in fondo al cuore, deve guarire per forza”.

Sono parole di incoraggiamento per il Montiferru e la Sardegna, devastata dal fuoco nello scorso mese di luglio, quelle che vengono pronunciate nel suggestivo video di presentazione della nuova collezione primavera/estate 2022 di Antonio Marras, protagonista della Milano Fashion Week.

Le ceneri del Montiferru e la rovina lasciata dal passaggio delle fiamme, si contrappongono al candore dei nuovi abiti disegnati dallo stilista di Alghero, indossati da modelli e modelle che sfilano tra scheletri di alberi e sassi anneriti, calpestando una terra arida.

Negli abiti un trionfo di bianco, esaltato da una sposa, con il volto velato, ma anche crema. E ancora pizzi e trasparenze.

Nel video aperto dalla voce di Nada anche l’invocazione “Santu Lussurgiu proteggici!”, che richiama il paese del Montiferru tra i più colpiti dal grande rogo di luglio.

Le riprese del video di presentazione della collezione sono state girate a metà agosto tra Badde Urbara, Santu Lussurgiu, Ittireddu e il Nuraghe di Sant’Antine.

Mercoledì, 22 settembre 2021

 

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.