Estate dietro l’angolo e bed and breakfast in crisi nera. I clienti? Pochi, bene andando. Ma c’è anche chi non ha ricevuto ancora una sola telefonata da febbraio. E poi c’è anche chi, come Andrea Pes, ex professore, ha deciso di chiudere il suo b&b. Il motivo? L’età e il timore di essere contagiato da qualche vacanziero: “Ho sessantasette anni, non riapro le camere perchè non voglio rischiare la salute. Ho ricevuto richieste dall’Italia ma ho risposto a tutti nello stesso modo: sono chiuso. Non ero obbligato a farlo, negli anni passati sono arrivate persone anche dalla Spagna e dagli Stati Uniti. Ma, tra sicurezza e complicazioni legate alle procedure da seguire, ho deciso di fermarmi”, spiega Pes. Che, forse, riaprirà in futuro: “Non è detto, devo pensare soprattutto alla mia sicurezza, sono in una fascia d’età a rischio”.

Le prime camere disponibili nel 2006: “All’epoca stavo ancora lavorando, poi ho deciso di proseguire perchè ho la pensione ma così potevo arrotondare”. Da qualche settimana, però, la scelta di bloccare qualunque cliente in arrivo: “Ho lavorato bene, sempre, nei mesi estivi ma, tra una cosa e l’altra, anche nel resto dell’anno. Nel 2021 valuterò il da farsi”.

L'articolo “Dopo 14 anni chiudo il mio b&b a Cagliari, non voglio correre rischi col Coronavirus” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.