Un malore, forse, o una distrazione improvvisa, anche se difficile da ipotizzare su un rettilineo e a poca distanza da una rotonda. E l’auto che, a forte velocità, si è schiantata contro il palo di un cartellone. Ecco la dinamica dell’incidente costato la vita a don Alberto Pistolesi, 43 anni, prete a Sinnai ma conosciutissimo anche a Quartu, Cagliari e Senorbì. “La macchina stava andando a forte velocità, quella è confermata”, spiegano dal commissariato della polizia Locale di Quartu. Quale sia il motivo, però, non è stato ancora chiarito: un malore al volante? Una distrazione improvvisa o un guasto alla macchina? Se ne saprà di più nelle prossime ore, intanto è stato appurato che i giri del motore della Fiat Multipla guidata dal religioso fossero decisamente alti e lo schianto è stato così forte che non gli ha lasciato scampo, con la vettura che è andata totalmente distrutta. Nessun altro automobilista è rimasto coinvolto.

 

E la scomparsa di don Pistolesi ha gettato nella disperazione decine di migliaia di persone. Da Sinnai a Quartu, da Cagliari a Senorbì, tantissime lacrime per il prete sempre sorridente e felice di testimoniare la parola di Dio ogni giorno, insieme ai ragazzi dei tanti oratori che ha gestito e ai fedeli delle parrocchie che ha guidato, sia nel ruolo di vicario sia in quelli di sacerdote, negli ultimi diciassette anni. I funerali, salvo imprevisti, si svolgeranno dopodomani.

L'articolo Don Alberto Pistolesi morto sul lungomare di Quartu: “L’auto si è schiantata a forte velocità contro il palo” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.