Fino al 12 novembre si tiene a Glasgow la conferenza ONU sul cambiamento climatico (COP26) nel corso della quale capi di stato e di governo di quasi 200 Paesi, esperti, organizzazioni e imprese si stanno confrontando per capire come agire per arrestare e mitigare il riscaldamento globale. Per accompagnare i lavori di questo momento storico, cruciale per le politiche ambientali del futuro, e per sensibilizzare il grande pubblico al tema del riscaldamento globale, il FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano ha deciso di fare la sua parte con l’iniziativa #FAIperilclima. 
Uno degli appuntamenti in calendario, in programma domenica 14 novembre alle ore 11 e 16, coinvolgerà le Saline Conti Vecchi, Bene in concessione alla società Ing. Luigi Conti Vecchi (Eni Rewind) e valorizzato dal FAI dal 2017, dove verrà proposta una visita speciale dedicata alle Zone Umide. Ad accompagnare i visitatori nella suggestiva cornice di Porto San Pietro sarà Vania Statzu – Vicepresidente di MEDSEA Foundation, da sempre impegnata nella tutela e gestione sostenibile di risorse marine e costiere dell’area mediterranea – che illustrerà come le zone umide sono l’ecosistema più importante per la storia dell’umanità e quanto oggi siano a rischio a causa del cambiamento climatico. Siccità, aumento del livello del mare, alluvioni stanno mettendo in crisi questo ecosistema, privando le popolazioni dei fondamentali servizi che esse offrono: dal cibo alla funzione di mitigazione offerta da questi habitat rispetto al cambiamento climatico. Oggi le zone umide sono l’esempio perfetto di Nature Based Solutions ma si rischia, se non si applicano buone pratiche di tutela, di perdere questa opportunità.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.