Nello scorso fine settimana una pattuglia della Squadra Volante della Questura di Sassari è intervenuta in via Mercato a seguito di diverse chiamate al 113 per sedare una aggressione ai danni di un passante ad opera di una banda di giovanissimi teppisti.

All’arrivo della Polizia i partecipanti si sono dati a precipitosa fuga; uno di questi, il principale autore del pestaggio, nel tentativo di sfuggire al fermo, ha opposto resistenza strattonando, scalciando e spintonando gli agenti, provocando ad uno di loro lesioni personali. Nel mentre, i complici, circa quaranta persone, tra ragazzi e ragazze, ritornati sui propri passi hanno circondato la pattuglia della Polizia con atteggiamento minaccioso nel tentativo di favorire la fuga del complice e minacciando pesantemente i diversi abitanti del quartiere che erano scesi per strada per sostenere l’intervento delle forze dell’ordine.

Con l’immediato arrivo di altre Volanti di rinforzo, i facinorosi sono riusciti a dileguarsi tra le vie de centro storico.

Tutti i partecipanti ai gravi disordini, giovanissimi, erano in apparente stato di alterazione psicofisica da abuso di bevande alcooliche.

Il giovane fermato dalla Polizia, di soli 15 anni è stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni per resistenza pluriaggravata aggravata a pubblico ufficiale, lesioni e minacce gravi e affidato ai propri genitori.

L’episodio si è verificato al culmine di una situazione di progressivo degrado segnalata alla Questura di Sassari  dagli abitanti  della zona i quali avevano lamentato che tali luoghi sono divenuti meta di bivacco e stazionamento di decine di giovanissimi, prevalentemente durante il fine settimana, dediti ad ubriacarsi smodatamente consumando alcoolici acquistati presso i vicini negozi,  schiamazzano, imbrattano i luoghi con immondizia, bottiglie e cocci di vetro, escrementi e urina, ed infine, arrecando continuo disturbo, molestie e minacce alla popolazione residente e ai passanti che tentano di rimproverarli.

E’ stata quindi avviata una immediata e approfondita istruttoria dagli Agenti della Divisione Anticrimine della Questura conclusa con l’emanazione a carico del minore autore del pestaggio, di un severo “ D.A.Spo Urbano” deciso dal Questore di Sassari, Autorità provinciale di Pubblica Sicurezza,  con il quale è stato imposto,  per la  durata di un anno, il divieto di accesso o anche il solo stazionamento nei pressi di esercizi pubblici di somministrazione anche per asporto, di bevande alcooliche di qualsiasi genere, e locali di pubblico trattenimento, ubicati nel centro urbano della città di Sassari e delimitati all’interno di un ampio  perimetro ben circoscritto.

Il provvedimento del Questore, applicabile anche ai minori di anni 18, è stato adottato a norma del decreto legge 20 febbraio 2017 nr. 14 e succ. mod.  “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città” allo scopo di garantire la tutela della salute, sicurezza e tranquillità pubblica e per scongiurare altri comportamenti idonei a compromettere l’integrità fisica e morale dei minorenni.

La violazione degli obblighi costituisce reato punito severamente e consente l’inasprimento del divieto in atto.

Sono in corso indagini volte all’identificazione dei restanti partecipanti ai disordini.

 

L'articolo Disordini e aggressioni in centro a Sassari: Daspo urbano per un 15enne proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.