Ai silenzi, ma anche alle chiacchiere della politica, uno ci fa il callo. Rinvii e rimpalli, la Regione che scarica sul Governo che scarica su Bruxelles e poi tutto torna sulla Regione e ricomincia lo stucchevole scaricabarile che ha una sola e unica vittima: il cittadino. Il cittadino sardo, nello specifico.

 

E’ incredibile come si riesca a non protestare ormai per nulla. Provate a prenotare un volo, anche solo per Roma e Milano che dovrebbero essere quelli coperti e calmierati dalla continuità territoriale. Provateci. Ve ne pentirete amaramente.

 

Voli pochissimi, posti ancor meno, prezzi alle stelle lievitati in un assurdo, perverso meccanismo divora diritti. La situazione dei trasporti è ogni giorno un po’ peggio: ogni giorno viene tolto e negato un pezzetto di diritto a spostarsi come tutti gli altri esseri umani, ogni giorno è sempre un po’ peggio, ma ogni giorno – come la più classica delle rane bollite a fuoco lento – il silenzio è sempre più assordante.

 

E’ incredibile come ormai nessuno protesti più, assuefatti e alienati e rassegnati e incapaci di rivendicare un diritto costituzionale che ai sardi è negato. C’è davvero poco da stare allegri. Ma anche poco da stare zitti.

 

L'articolo Disastro continuità, pochi aerei e a prezzi folli: ma perché i sardi stanno zitti? proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.