Il tribunale di Cagliari respinge il ricorso della Stazione dell’arte di Ulassai e conferma i diritti di autore sull’opera di Maria Lai alla nipote.Il Giudizio d’urgenza promosso da Maria Sofia Pisu, erede dell’artista Maria Lai, nei confronti della Fondazione Stazione dell’Arte di Ulassai, si è concluso con il riconoscimento del fatto che i Diritti d’Autore sulle opere di Maria Lai spettano all’erede dell’artista.Infatti, il Tribunale di Cagliari, Sez. Specializzata, con Ordinanza notificata oggi 26/03/2021, ha confermato che i Diritti d’Autore sulle opere d’arte spettano all’autore o al suo erede e che, in base al principio giuridico stabilito dagli artt. 109 e 110 della Legge sul Diritto di Autore,  la cessione di un’opera d’arte non implica anche il trasferimento del Diritto di Autore sulla stessa, a meno che non vi sia un patto scritto in tal senso.La proprietà dell’opera d’arte, pertanto, non comporta automaticamente la titolarità dei diritti di sfruttamento economico della stessa, che restano in capo all’artista o al suo erede. L’ordinanza è giunta in seguito al reclamo della Stazione dell’arte di Ulassai  depositato l’8 febbraio scorso nei confronti dell’ordinanza  in cui  il Tribunale Civile di Cagliari  aveva dichiarato, Maria Sofia Pisu, nipote di Maria Lai, erede esclusiva dei diritti di autore su tutte le opere dell’artista sarda, inibendone qualunque utilizzo da parte della Fondazione Stazione dell’Arte, istituita nel 2004 dalla stessa Lai, insieme al Comune di Ulassai.La querelle era nata a febbraio 2020 in seguito ad alcune intromissioni  della Fondazione  Stazione dell’arte di Ulassai su  alcune iniziative (mostre e presentazioni) dedicate a  Maria Lai  autorizzate dall’Archivio Maria Lai  di cui è titolare la nipote M.Sofia Pisu.Alle lettere di diffida sui diritti inviata dalla Fondazione Stazione dell’arte agli organizzatori era arrivata la risposta  della Pisu che per il  tramite dei suoi legali  aveva reclamato la titolarità dei diritti di utilizzazione economica su tutte le opere realizzate da Maria Lai, comprese quelle donate dall’artista alla Fondazione Stazione dell’Arte, circa 150, e la vendita dei libri attraverso il bookshop annesso al Museo.A nulla dunque sono valsi gli appelli  lanciati sui social dalla Stazione dell’arte  sul rischio chiusura del museo, e nonostante le rassicurazioni dell’erede dell’artista nell’intento comune di valorizzazione dell’opera di Maria Lai. Non solo. L’ordinanza crea un precedente importante sui diritti d’autore  in Italia e sulle relazioni tra  le fondazioni e gli eredi degli  artisti, con l’affermazione  del principio di certezza del diritto nel quadro normativo.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.