Del maestro scomparso due anni fa lo scheletro ritrovato nel canale
Giallo nel Cagliaritano

Foto ufficio stampa carabinieri

Sono di Marco Frau i resti ritrovati a fine marzo in un canale di scolo tombale a Uta. L’uomo, un insegnante della scuola primaria nato a Villassimius nel ’66, era scomparso nell’ottobre 2019 da Assemini. Si era interessata della vicenda la trasmissione televisiva “Chi l’ha visto?”, in onda su Rai 3. Frau non era però mai stato ritrovato. Pochi mesi dopo la scomparsa la Procura di Cagliari aveva aperto un fascicolo, poi archiviato, per omicidio.

A conclusione dei complessi esami di laboratorio consistenti in analisi biomolecolari (DNA-Typing) comparative condotte sulle unghie prelevate dal medico legale nei resti scheletrici rinvenuti a Uta, è stato estrapolato un profilo genotipico riconducibile a un soggetto di sesso maschile.

Il successivo confronto del profilo del Dna eseguito dal Ris dei carabinieri di Cagliari ha poi confermato la concordanza genetica dei resti con un campione di confronto appartenente a Marco Frau.

Il ritrovamento dello scheletro era stato denunciato da un passante, che aveva prontamente allertato le forze dell’ordine. Al momento i carabinieri non hanno chiarito le dinamiche della morte di Frau.

Martedì, 20 aprile 2021

L'articolo Del maestro scomparso due anni fa lo scheletro ritrovato nel canale sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.