Del Giacco: “Sardegna a un passo dalla zona rossa, colpa dei tanti che non rispettano le regole”. Venerdì Santo con con il boom di contagi, se continua questa progressione rischiamo la la zona rossa? A Radio CASTEDDU, Stefano Del Giacco, immunologo azienda ospedaliera universitaria di Cagliari: “Questo è un rischio, i numeri sono frutto purtroppo della zona bianca e stiamo pagando questa libertà che ci siamo goduti. È chiaro che si  può soltanto ipotizzare quali siano le ragioni di questo aumento, la zona bianca è stata veramente presa come uno sfogo da tutti quanti. Ultimamente la presa è stata un po’ mollata sia perché qualcuno è già stato vaccinato, sia perché si è rimasti legati alle abitudini di quel momento felice. Soprattutto i giovani utilizzano anche poco la mascherina: è un po’ buffo fumare la sigaretta con la mascherina abbassata o telefonare sempre con la mascherina abbassata.Oramai oltre l’80% per cento dei contagi sono dovuti alla variante inglese che ha una contagiosità notevolmente più alta della variante standard e, in più, il 50% di chi ha una mutazione specifica che porta a una maggiore letalità. Questo potrebbe essere,  forse, alla fine la spiegazione che mette d’accordo le teorie della zona bianca e zona arancione.Le proiezioni fatte da alcuni colleghi vedono anche un aumento dell’occupazione delle terapie intensive nelle prossime settimane: non voglio fare il catastrofista perché ne abbiamo abbastanza di brutte notizie, tuttavia non è ancora finita. Questo è il senso del messaggio che deve arrivare, quindi purtroppo vedo “bene” qualche restrizione fino a fine aprile in termini epidemiologici. Io mi rendo conto che è difficile capire che queste limitazioni sono necessarie, però ogni volta ci proviamo e ogni volta rimaniamo fregati perché 473 contagi in un giorno è un numero  impressionante.Le infezioni virali, i virus sono dei veri professionisti, fanno benissimo il loro lavoro e passano da una persona all’altra il più velocemente possibile ma si mantengono in vita cercando di non farlo morire, perché chi muore non può trasmettere il virus e quindi muore anche il virus, ma questo non mette in conto che una gran parte delle persone purtroppo può morire e  ha fatto sì che dovevamo imparare sul campo come comportarci.L’unica soluzione per fortuna è il vaccino.Io purtroppo credo che il numero dei contagi sia legato proprio al fatto che la gente ha mollato un po’ la presa: ieri in Brasile, per esempio, ci sono stati 3900 morti in un giorno. Un numero impressionante sicuramente: è richiesto il contributo di tutti in questa fase”.Risentite qui l’intervista a Stefano Del Giacco del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanu https://www.facebook.com/castedduonline/videos/1147984098978040/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.