Sesso al Bastione di Saint Remy a Cagliari, in cima alla scalinata che porta all’ascensore di viale Regina Elena. I protagonisti sono un uomo e una donna che, senza curarsi del passaggio di altre persone, hanno dato libero sfogo alle loro pulsioni. L’ennesimo episodio di degrado e malamovida avvenuto nel centro storico cittadino sembra risalire agli ultimi giorni: è infatti possibile vedere, in uno dei filmati che stanno passando di chat in chat su WhatsApp nelle ultime ore, il Caffè degli Spiriti sbarrato. Non si sa quanto tempo abbia esattamente trascorso la coppia a fare sesso all’aria aperta, in cima ad uno dei monumenti simbolo della città. C’è chi passa proprio sotto le loro teste e non si accorge di nulla.

 

Ma, nonostante fosse già buio, altri gruppetti di frequentatori del Bastione hanno assistito a gran parte delle “evoluzioni”: qualcuno ha attivato la fotocamera dello smartphone, realizzando un video e commentando con frasi irripetibili, facendolo poi girare a qualche suo contatto WhatsApp. Ma l’effetto valanga, con il video finito su tanti cellulari, nelle ultime ore, è stato praticamente immediato. Tanto da diventare uno di quei filmati segnato come “inoltrato molte volte”.

L'articolo Degrado a Cagliari, coppia fa sesso davanti a tutti al Bastione (VIDEO) proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.