Oristano

Paolo Mele (Confagricoltura): “Partito in tempi utili, è un intervento molto atteso dagli agricoltori”

È partito nei giorni scorsi nell’Oristanese il piano di contenimento della cornacchia grigia. Ne dà notizia la Confagricoltura Oristano, che apprezza i tempi del via libera dato dalla Provincia, in seguito a quelli di Ispra e dell’Assessorato regionale della Difesa dell’ambiente.

Due le modalità di intervento previste dal piano di contenimento: si possono catturare gli uccelli con delle gabbie-trappola oppure si possono abbattere fuori dai nidi con armi da fuoco, attraverso l’intervento dei coadiutori contattati dagli agricoltori stessi. Il piano, nato per ridurre i danni alle produzioni agricole, può contare oggi su circa 170 coadiutori, formati e autorizzati a intervenire in collaborazione con le strutture della Provincia che comunicano le attività al Corpo forestale e di Vigilanza ambientale e alla Asl territoriale.

I coadiutori potranno operare tutti i giorni, con un massimo di abbattimenti stagionali fissato in 5.000 esemplari, e con l’obbligo di registrare gli interventi in appositi moduli. L’utilizzo delle gabbie sarà consentito anche dopo il periodo di contenimento di fine settembre, alla conclusione delle colture agricole in pieno campo. Per le future attività di formazione dei coadiutori, in vista delle prossime stagioni di contenimento, stanno giungendo in questi giorni diverse centinaia di domande che a breve saranno esaminate dagli uffici provinciali.

“Come organizzazione di categoria”, ha spiegato il presidente di Confagricoltura Oristano e Sardegna, Paolo Mele, “abbiamo sempre sollecitato le istituzioni affinché intervenissero per contenere le popolazioni della cornacchia grigia, che ogni anno devastano le nostre colture in campo, con danni enormi per le aziende. Ad avere forti perdite sono soprattutto le coltivazioni di meloni, angurie, pomodori: prodotti che una volta beccati dagli uccelli non sono più vendibili sul mercato”.

Paolo Mele
Paolo Mele

“Proprio l’area dell’Oristanese”, ha proseguito Mele, “dove si sviluppa una parte importante della produzione agricola e ortofrutticola regionale, è uno dei territori maggiormente colpiti di tutta l’Isola. Nel riconoscere che il piano è partito nei tempi utili, cosa non scontata se si tiene conto di altre criticità in cui si interviene con ritardi inaccettabili come il caso delle cavallette, possiamo solo augurarci che questo sia un primo passo importante in vista delle future attività di contenimento della fauna selvatica, in particolare del cinghiale o di diverse tipologie di uccelli acquatici. Allo stesso tempo sarebbe importante predisporre quanto prima un piano di intervento per il contenimento di specie protette come cervi, daini e mufloni, che in numerosi territori della Sardegna stanno invadendo da anni le aree coltivate”.

“Nello specifico, in accordo con i soggetti istituzionali competenti, Confagricoltura manifesta ancora una volta la piena disponibilità a trovare una soluzione anche con la cattura di tali mammiferi da utilizzare per il ripopolamento delle numerose zone protette presenti sull’Isola, e non solo”, conclude Mele. “Come organizzazione di categoria siamo impegnati da sempre affinché i problemi si prevengano. I ristori stanziati dalla Regione per i danni da fauna selvatica sono irrisori e se arrivano, sempre fuori tempo massimo, non coprono mai i danni effettivi subiti dalle imprese agricole”.

Sabato, 21 maggio 2022

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 03 92, o l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.