È pari a 3,3 milioni di euro l’importo delle frodi scoperto dai reparti della Guardia di Finanza, nel 2019, in Sardegna. 686mila e spiccioli, invece, i soldi legati alle spese previdenziali, assistenziali e sanitarie. I denunciati? Sessantacinque. E i finanzieri, inoltre, hanno segnalato alla magistratura contabile danni per oltre 36 milioni di euro, con il coinvolgimento di 116 persone. Frodi, in una sola parola. E ad essere colpito, ovviamente, è il settore pubblico. Dagli appalti agli incentivi alle imprese, passando per il mondo della sanità: “Sono i settori più attaccati”, conferma Gioacchino Angeloni, generale di brigata e comandante regionale della Guardia di Finanza: “Grazie ai nostri poteri contrastiamo la lotta allo sperpero e alla frode, vengono erogate provvidenze non dovute, tra attestazioni falsi e raggiri”.

E il settore della sanità è “complesso”, osserva Angeloni. Le Fiamme Gialle verificano “il reddito, incrociando le varie dichiarazioni, e il possesso di beni”. Ecco, in sintesi estrema, come saltano fuori i “furbetti” del ticket, per esempio. “Un altro settore, quello degli appalti, è particolarmente foriero di violazioni, ma non tutte costituiscono un reto. Ci sono irregolarità che possono costituire un danno all’erario. Recentemente, nel nord Sardegna, alcune aziende hanno ottenuto provvidenze sui ‘certificati bianchi’ che vengono attribuiti alle società che vogliono sviluppare energie rinnovabili e hanno diritto a un reintegro dei capitali investiti da parte del servizio energetico”.

L'articolo Dalle energie rinnovabili ai ticket sanitari, fioccano le frodi in Sardegna: danni per 3,3 milioni proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.