Cagliari

Il consigliere regionale chiede l’intervento degli assessori regionali Murgia e Zedda

L’annullamento da parte della Regione della delibera del Consorzio di bonifica dell’Oristanese n. 19 dell’8 novembre blocca nell’immediato l’intera procedura di stabilizzazione di 87 lavoratori avventizi, proprio in prossimità dell’avvio della stagione irrigua. È quanto denunciato dal consigliere regionale Emanuele Cera.

L’esponente del gruppo consiliare Forza Italia Sardegna ha scritto alle assessore regionali dell’Agricoltura Gabriella Murgia e del Lavoro Alessandra Zedda, chiedendo alle esponenti della Giunta di revocare, con urgenza in autotutela la determinazione n. 45 prot. n. 1677 firmata dal direttore del Servizio territorio agro-pastorale della Regione.

Il provvedimento di annullamento della delibera è stato impugnato al Tribunale amministrativo regionale della Sardegna nei giorni scorsi dal Consorzio di bonifica.

“I lunghi tempi del giudizio del conseguente ricorso al Tar”, ha sottolineato Cera, “rischiano di mettere in discussione e far saltare definitivamente la stabilizzazione degli 87 posti di lavoro del personale avventizio e nel contempo di pregiudicare l’attuazione del progetto pilota, con la certezza di perdita del relativo finanziamento, con gravissimo danno per l’ente consortile, per il sistema agricolo e per tutte le parti interessate”.

La comunicazione scritta dal consigliere regionale della maggioranza è stata inoltrata anche al presidente del Consorzio di Bonifica Carlo Corrias, a Coldiretti e Confagricoltura Oristano, a Cgil, Cisl e Uil e alle Rsu aziendali.

“È del tutto evidente”, si legge nella nota firmata dal consigliere  Cera, “che la stabilizzazione del personale prevista con l’art. 4 co. 3 L.R. 12 marzo 2020 è stata il frutto di un grande lavoro posto in essere dal Consiglio regionale e dalla Giunta”. Un percorso che ora rischia di fermarsi a causa dell’annullamento della delibera del Consorzio di bonifica dell’Oristanese n. 19 dell’8 novembre 2021.

“Come noto”, prosegue il consigliere regionale di Forza Italia, “i tempi della giustizia amministrativa non sono brevi, e l’obiettivo perseguito e sostenuto da ambo le parti è assolutamente coincidente, pertanto non si capisce il motivo di questo insorgente conflitto nelle aule dei tribunali, considerato che entrambe le parti concordavano sulla stabilizzazione di tutti gli 87 lavoratori avventizi dei Consorzi di Bonifica e sulla stabilizzazione da completarsi entro il 31 dicembre 2022. Purtroppo quest’ultimo obiettivo potrebbe ormai essere compromesso dai ritardi nell’avvio dei corsi e delle assunzioni”.

“Al tempo stesso appare comprensibile che, nel rispetto delle proprie necessità organizzative, delle esigenze economico-finanziarie e di equilibrio di bilancio, il Consorzio di bonifica dell’Oristanese intenda promuovere per fasi e in tempi strettamente connessi alle reali esigenze organizzative, il processo di coinvolgimento delle 87 unità di personale avventizio”, prosegue ancora Cera, “tenendo sempre in debito conto delle esigenza di bilancio, ferma restando la volontà di completare le stabilizzazioni nei tempi tecnici permessi dal programma dei corsi di formazione”.

L’esponente della maggioranza auspica che si abbassi “il livello tensione nel confronto e che si riprenda serenamente a dialogare, sgombrando il campo dalle incomprensioni e dalle proprie convinzioni, per superare l’esito di una sentenza che potrà dare ragione tra 2 o 3 anni ad una delle parti ma che nel frattempo infrange oggi, il sogno e la speranza di 87 lavoratori e delle loro famiglie”.

“Per questo motivo vi esorto vivamente a revocare, con urgenza in autotutela la determinazione n. 45 prot. n. 1677, al fine di poter eliminare l’oggetto del contendere dinnanzi al Tar e definire una condivisa road map per stabilire definitivamente un percorso di stabilizzazione nello spirito dettato dall’art. 4 co. 3 della L.R. 12 marzo 2020, n. 10. In conclusione”, afferma il consigliere  Cera, “auspico che le parti facciano un saggio uso del buon senso e si prodighino per superare questa criticità, scongiurare una sconfitta per tutti, negando quanto invece il Consiglio regionale ha stabilito con legge, aprendo il campo alle ‘responsabilità’ e non solamente politiche”.

Martedì, 15 febbraio 2022

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 0392, o l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.