Oristano

L’inchiesta della Finanza che ha coinvolto una cooperativa e quattro aziende nell’Oristanese

Paghe tra i 4 e i 6 euro all’ora, con giornate di lavoro che spesso superavano abbondantemente le 14 ore. Gli oltre 500 stagionali assunti dalle aziende dell’Oristanese finite nell’inchiesta della Guardia di Finanza arrivavano quasi tutti dalla provincia, compresa una trentina di stranieri extra comunitari.

I finanzieri – coordinati dal comandante del Nucleo di polizia tributaria, colonnello Pasquale Pellecchia – hanno lavorato per oltre due anni per ricostruire un vero e proprio sistema di caporalato che si era radicato nelle fertili campagne del Campidano, gestito da una cooperativa e da altre quattro aziende agricole.

I titolari di queste aziende sono stati denunciati per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

L’inchiesta giudiziaria, diretta dal pm Sara Ghiani, si sta concludento in queste ore con l’invio di altra documentazione alla Procura della Repubblica di Oristano. Carte da aggiungere ai voluminosi faldoni già depositati a Palzzo di giustizia, che contengono fra l’altro le seimila buste paga sequestrate alla cooperativa e alle società controllate dalle Fiamme gialle.

Dalla documentazione contabile emerge in modo lampante la sproporzione retributiva rispetto agli orari di lavoro ed alle prestazioni richieste. Stipendi da fame che i lavoratori accettavano per disperazione: meglio poco che niente, quando il lavoro è un miraggio.

Il giudice per le indagini preliminari ha disposto il sequestro preventivo di beni per un valore di 2,4 milioni di euro, in vista di una eventuale confisca, se il processo dimostrasse poi che sono l’utile generato dagli abusi commessi ai danni dei lavoratori, come stimato dalla Finanza.

Un amministratore giudiziario dovrà gestire intanto la cooperativa e una delle aziende sottoposte a indagine. Da un lato il giudice vuole evitare la ripetizione dei reati, e dall’altro si è posto il problema di assicurare la prosecuzione dell’attività: tenere le aziende sul mercato significa garantire le buste paga di tanti dipendenti.

Giovedì, 16 dicembre 2021

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 03 92, o l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.