Da oggi, 20 gennaio, niente parrucchiere o estetista senza il green pass. Entra in vigore l’obbligo della certificazione verde anche per accedere nei centri di bellezza e dal barbiere, previsto dal decreto approvato dal consiglio dei ministri il 5 gennaio scorso che imponeva anche l’obbligo vaccinale per gli over 50: servirà quindi almeno un tampone antigenico negativo effettuato nelle 48 ore precedenti o molecolare valido 72 ore. Il provvedimento impone il green pass base anche per accedere nelle carceri e incontrare i detenuti. Si attende invece il Dpcm con la lista dei negozi dove sarà obbligatorio avere la certificazione verde anti Covid dal primo febbraio prossimo. A partire da quella data inoltre il Green pass avrà validità di sei mesi: cioè trascorsi sei mesi dall’ultima somministrazione di vaccino il pass verrà bloccato. 

Di certo bisognerà essere vaccinati, guariti o possedere un tampone negativo per entrare in Poste, banche e pubblici uffici, anche se l’obbligo non dovrebbe valere per servizi essenziali come il ritiro della pensione. Nessuna limitazione invece dovrebbe esserci per entrare in commissariato o in caserma dai carabinieri per fare una denuncia, nei negozi di alimentari o supermercati, farmacie o negozi che vendono prodotti per il riscaldamento. 

L'articolo Da oggi niente parrucchiere ed estetista senza il green pass, e il governo decide sulla lista dei negozi aperti a tutti proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.