(di Vincenzo Garofalo) (ANSA) - PORTO TORRES, 24 NOV - Era il 1997 quando l'ex isola carcere dell'Asinara, nota fino ad allora per aver ospitato nelle patrie galere boss mafiosi e pericolosi criminali, veniva battezzata a una nuova vita: un futuro da Parco nazionale e Area marina protetta. Oggi, a 25 anni di distanza, l'isola che si specchia nell'omonimo Golfo davanti alla costa nord ovest della Sardegna, ha fatto molta strada, e mantenendo lo spirito aspro e selvaggio che le vale l'appellativo di paradiso incontaminato, è diventata l'emblema del Parco quale ente competente nella tutela della biodiversità, del paesaggio e dei valori culturali e storici, nonché promotore di azioni di educazione alla sostenibilità, divulgazione scientifica e fruizione sostenibile dei beni ambientali.
    Una trasformazione avvenuta a piccoli passi e con ancora tanti traguardi da raggiungere, soprattutto per quanto riguarda i servizi turistici, che offrono inifinite opportunitò di sviluppo. Già oggi, accanto all'immensa mole di progetti ambientali e scientifici portati avanti in collaborazione con diverse università e organismi nazionali e internazionali (quali il Centro recupero animali marini, l'Osservatorio faunistico e stazione ornitologica internazionale, l'Osservatorio meteo), si è creato un flusso turistico orientato alla sostenibilità e quindi necessariamente contingentato. Approdare all'Asinara per ammirarne le bellezze naturalistiche e visitare le storiche strutture carcerarie e gli antichi insediamenti è possibile tramite traghetto da Porto Torres o barche passeggeri da Stintino.
    All'interno dell'Area marina protetta è anche possibile l'attività di piccola pesca artigianale esercitata dalle marinerie di Porto Torres e di Stintino dedite, in particolare, al prelievo del polpo, dell'aragosta e del pesce bianco.
    Parallelamente alle attività di pesca, l'Ente promuove, in accordo con i pescatori locali, attività di pescaturismo e di ittiturismo. Ma il Parco resta soprattutto un'oasi naturale con 20 habitat di interesse comunitario, fra i quali sono prioritari le praterie di Posidonia, gli arbusteti termo-mediterranei e pre-desertici, gli stagni temporanei mediterranei. Nell'isola sono segnalate oltre 80 specie di vertebrati terrestri appartenenti alle classi degli anfibi, rettili, uccelli e mammiferi, fra le quali diverse specie rare e in via di estinzione. Tutto questo sarà celebrato venerdì 25 novembre e lunedì 28 novembre con due appuntamenti organizzati dell'Ente Parco proprio per i 25 anni dalla nascita: venerdì alle 9.30 presso la sede istituzionale del Parco, a Porto Torres, il Forum della Carta Europea per lo sviluppo sostenibile Cets II; lunedì all'isola dell'Asinara, con partenza alle 9.30 dal porto di Stintino, la commissaria e il direttore del Parco, Gabriela Scanu e Vittorio Gazale, celebreranno il compleanno con la presentazione del volume "I Parchi d'Italia". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Fonte: Ansa Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.