Da un passo al raggiungimento dell’ottanta per cento al settantatré in due mesi: “Un dato inaccettabile che rischia di ricadere sull’intera comunità andando a colpire anche chi continua diligentemente ad attenersi alle regole del corretto conferimento dei rifiuti”, premette il sindaco Gigi Concu.  Sotto la lente ci sono i dati degli ultimi due mesi, che mostrano un forte calo della percentuale di differenziata e mettono a rischio la premialità che ogni anno la Regione assegna ai comuni virtuosi. Ma l’amministrazione selargina corre ai ripari: da venerdì si procederà con un controllo generalizzato e costante sulle modalità di conferimento dei rifiuti, con un’apposita squadra (composta da vigili urbani e operai della società che gestisce il servizio di Igiene urbana) che procederà a individuare i rifiuti non conformi e a sanzionare i trasgressori. Si parte da 150 euro per la prima multa, sino ad arrivare a 300 in caso di recidivi.

“Ovviamente l’intento non è fare cassa, ma far capire l’importanza del rispetto delle regole della differenziata”, sottolinea il primo cittadino. “Maggiori sono le percentuali raggiunte, superiori saranno i benefici per le famiglie, a partire da eventuali ribassi sulla tassa dell’immondezza”, spiega. “I vantaggi di una raccolta differenziata funzionante portano benefici all’intera comunità: se le soglie calano crescono i costi che l’amministrazione sostiene per lo smaltimento, di conseguenza aumenta la nostra spesa per il servizio di Igiene urbana”.

L'articolo Crolla la differenziata a Selargius, pronta la task force contro i trasgressori: “Multe da 300 euro” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.