Sarà lunga e dura, durissima, la ripresa del settore delle crociere in Sardegna e Cagliari. I numeri dei crocieristi sono bassissimi, abbattuti dalla pandemia e dalle regole che, a seconda delle destinazioni, sono totalmente diverse. La rivelazione, amarissima, arriva dal presidente dell’Autorità portuale di Cagliari, massimo Deiana. “Nel 2022”, spiega Deiana, durante l’incontro legato al turismo all’aeroporto di Cagliari, “avremo molti passeggeri in meno rispetto al 2021”. Il motivo? “Le modalità e le regole di accoglienza dei turisti per quanto riguarda la salute e la sicurezza”. Cioè niente navi strapiene, tour blindati e verifiche quasi continue sull’eventuale positività al virus di tutti i passeggeri: “Regole che condivido”, premette Deiana. Ma che hanno portato, in parallelo, al crollo di arrivi: “Altre destinazioni hanno adottato regole diverse dalle nostre, consentendo di poter fare ciò che, invece, qui non è stato mai consentito”. E la frittata, quindi, è completa. Dal mare arrivano sorrisi solo per quanto riguarda i numeri dei passeggeri dei traghetti: “Sei milioni, dati in ripresa dopo i 2,8 milioni causati dalla pandemia”.Ma il problema grosso resta quello dei vacanzieri a bordo delle crociere. Si passa, infatti, dagli ottocentomila crocieristi del 2020 agli appena 15mila dei primi dieci mesi del 2021.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.