Crescono i numeri in Sardegna della pandemia. Nelle terapie intensive si è passati da 21 a 41 ricoverati in 14 giorni

CAGLIARI. Sono numeri preoccupanti quelli con cui la Sardegna chiude la settimana della battaglia contro il Covid. Da domenica 28 alla domenica di Pasqua, infatti, il numero di contagiati globali nell'isola dall'inizio della pandemia è stato di 2288, passando  da 44690 a 46978. Un incremento che fa segnare nell'arco della settimana un numero di 143 positivi ogni 100mila abitanti (89 la settimana scorsa). Ben lontani dal meno 50 in cui l'isola stava quando era in fascia bianca.

L'escalation della settimana, che segue comunque quella comunque altrettanto preoccupante della precedente, ha visto solo i primi due giorni con 164 e 205 nuovi casi, poi non si è mai andati sotto i 320 casi, con le punte di 444 mercoledì e di 473 di venerdì. anche il tasso di positività registra percentuali alte, ormai allineate a quelli nazionali: negli ultimi tre giorni mai sotto il sette per cento, con il numero più alto registrato proprio oggi 7,6 per cento con 323 casi e 4247 tamponi effettuati.

Altro dato che fa riflettere è quello dei ricoveri in terapia intensiva. Erano 21 le persone ospitate in intensiva due domeniche fa, ora sono praticamente raddoppiate passando dalle 30 di domenica scorsa alle 41 attuali. Infine il dato più triste, legato al tragico tributo dato alla pandemia. I morti in Sardegna nell'arco degli ultimi sette giorni sono stati 16, portando il totale delle vittime di covid nell'isola a 1242. (en.g.)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.