L’incidenza settimanale relativa al Covid-19 a livello nazionale dopo 2 mesi di tregua è in risalita: raggiunge 53 casi per 100mila abitanti (29/10/2021-04/11/2021) rispetto ai 46 casi per 100mila abitanti (22/10/2021 –28/10/2021), secondo i dati del ministero della Salute. È quanto emerge dai dati del monitoraggio della Cabina di regia dell’istituto superiore della sanità. 

Per quanto riguarda l’Rt, nel periodo fra 13 ottobre e 26 ottobre, l’indice di trasmissibilità medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,15 (range 0,93 – 1,28), in aumento rispetto alla settimana precedente  e al di sopra della soglia epidemica. È stabile e sopra la soglia epidemica, l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero – Rt 1,12 (1,06-1,17) al 26/10/2021 vs Rt 1,13 (1,07-1,19) al 19/10/2021. Si ritiene che le stime di Rt siano poco sensibili al recente aumento del numero di tamponi effettuati, poiché tali stime sono basate sui soli casi sintomatici e/o ospedalizzati, sottolinea il rapporto.

In forte aumento il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (8.326 contro i 6.264 della settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in aumento (35% contro 33%). È stabile al 47% invece la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi. Diminuisce lievemente la percentuale di casi diagnosticati attraverso attività di screening (18% contro il 20%).

Il tasso di occupazione in terapia intensiva è al 4%, secondo la rilevazione giornaliera del Ministero della Salute al 4 novembre, in aumento rispetto al 3,7% rilevata il 28 ottobre. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale al 5,3% dal 4,5% di una settimana fa. Tutte le regioni italiane e le province autonome risultano a rischio moderato, 15  riportano un’allerta di resilienza. 

“Un messaggio di allarme arriva dall’Oms in Europa, e dentro questo quadro, i numeri dell’Italia tra i migliori. Il tasso di incidenza è di gran lunga più basso di altri paesi europei. Ma l’allarme Oms va considerato con massima attenzione”, dice il ministro della Salute Roberto Speranza. “Abbiamo raggiunto l’86,45% di prime dosi di vaccini anti-Covid effettuate” ha aggiunto Speranza, sottolineando però la necessità di ampliare la platea dei vaccinati e accelerare sulle terze dosi come sollecitato dal generale Figliuolo.

L'articolo Covid senza fine, dopo 2 mesi l’indice Rt sfonda di nuovo quota 1 e aumentano le terapie intensive proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.