Dalla Sardegna dovrebbero muoversi 5mila precari: una trasferta a forte rischio di contagio

CAGLIARI. Il Consiglio regionale della Sardegna unito sulla necessità di rinviare il concorso per la stabilizzazione dei precari della scuola in programma dal 22 ottobre al 16 novembre in Lazio e Campania. Senza i voti dei cinquestelle, che si sono astenuti, l'Aula ha approvato un ordine del giorno sintesi dei due presentati da Laura Caddeo (Progressisti) e Fausto Piga (Fratelli d'Italia). Al concorso parteciperanno 66.072 docenti precari, circa 5.000 solo dalla Sardegna, di cui almeno tremila per i posti di sostegno.

Nelle relazioni di presentazione i due consiglieri hanno fatto notare che lo svolgimento di concorsi in questa fase di recrudescenza della curva del contagio da Covid espone pericolosamente all'aumento ulteriore di casi positivi tra gli stessi partecipanti e il personale dei plessi che ospiteranno le prove.

Il testo impegna il presidente della Regione Christian Solinas e l'assessore dell'Istruzione Andrea Biancareddu ad attivarsi con la ministra Azzolina per far slittare le date e a promuovere un processo di stabilizzazione dei precari e degli insegnanti di sostegno così da assicurare al sistema della scuola la copertura dei posti vacanti. (Ansa).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.