Tra esigenze di assistenza familiare e lavori a rischio

(ANSA) - BERLINO, 06 MAR - La pandemia di Covid-19 rischia di rallentare i progressi sull'uguaglianza di genere, poiché le donne svolgono la maggior parte dei compiti di cura dei bambini costretti in in casa e dei lavori a rischio, anche in ambito sanitario. Lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel.

"Dobbiamo assicurarci che la pandemia non ci porti a ricadere in vecchi modelli di genere che pensavamo di aver superato", ha detto la Merkel in un video messaggio diffuso in vista della Giornata internazionale della donna dell'8 marzo. Le donne - ha aggiunto - sono state colpite in modo sproporzionato dall'emergenza, pur essendo sottorappresentate nei ruoli decisionali.

"Più del 75 per cento di coloro che lavorano nel settore sanitario è rappresentato da donne - ha ricordato - dagli studi medici agli ospedali, dai laboratori alle farmacie", ha detto Merkel - eppure le donne rappresentano appena il 30 per cento delle posizioni dirigenziali in quelle aree. "Non può essere che le donne sostengano in larga misura la nostra società, ma allo stesso tempo non siano ugualmente coinvolte in importanti decisioni politiche, economiche e sociali", ha aggiunto.

La Merkel ha accolto con favore la recente legislazione che impone alle società tedesche quotate di includere più donne nei loro consigli esecutivi. Ma ha detto che si dovrebbe fare di più per sostenere le donne, anche attraverso l'aumento delle strutture per l'infanzia e la parità di retribuzione. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.