L’aria era già tesa, adesso rischia di diventare rovente. Dopo lo scambio degli ultimi giorni tra Ats e medici di base, con la prima che, attraverso il suo commissario straordinario Massimo Temussi, nota che “molti medici non vaccinano” e i medici di famiglia stessi che replicano sconfessando le accuse, adesso si va verso le sanzioni per i medici di base che non aderiscono alla campagna vaccinale contro il Covid. La notizia, anticipata dall’Ansa, parla di un vero e proprio “caso Sardegna”. E c’è una nota, firmata dal direttore generale dell’assessorato della Sanità, Marcello Tidore, e indirizzata al Commissario straordinario Ares-Ats, Massimo Temussi, nella quale, in merito alle vaccinazioni per le persone allettate, si invita l’Ats “a contestare gli inadempimenti” eventualmente infliggendo sanzioni e deferendo le violazioni più gravi al collegio arbitrale regionale”.“Secondo i dati in possesso di Ats, infatti, non è raro che malati cronici o anziani costretti a letto abbiano contattato direttamente l’ufficio del Commissario per chiedere supporto per la vaccinazione, a causa della mancata adesione alla campagna da parte del proprio medico di base”. In seguito a dei chiarimenti richiesti al ministero della Salute, infatti, è emerso che anche “l’adesione alla campagna vaccinale nazionale anti Covid-19 costituisce per i medici di medicina generale un obbligo convenzionale, la cui violazione comporta l’assoggettamento a rilievi di responsabilità individuale, secondo quanto previsto dal medesimo Accordo collettivo nazionale”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.