La Sardegna è l’unica regione in Italia dove i contagi da Covid non scendono, anzi aumentano i ricoveri e sale la pressione su ospedali e terapia intensive. Secondo le ultime rilevazioni Agenas, in tutte le altre regioni italiane c’è un consistente calo dei contagi, con conseguente diminuzione dei ricoveri e allentamento della pressione sulle terapie intensive. La Sardegna, invece, è in controtendenza: i contagi non calano, anzi nell’ultima settimana si è registrato un aumento di oltre il 13%, e la pressione negli ospedali e nelle terapie intensive si fa sempre più forte.

Inevitabile che le città siano praticamente deserte. Vuoti i negozi di abbigliamento e i ristoranti, i commercianti lamentano una totale assenza di clienti. La paura, insomma, può più del lockdown: se quando non si poteva uscire di casa si cercava ogni stratagemma possibile per poterlo fare, ora invece si tende a chiudersi in casa per rischiare il meno possibile. E’ di oggi l’Sos dei 5 Stelle all’assessore della Sanità Nieddu: troppi sardi hanno il green pass in scadenza e non possono prenotare il vaccino prima di marzo o addirittura aprile, spiega il consigliere regionale Ciusa. Questo rischia di compromettere ancora di più l’economia, con tantissima gente in più che sarà costretta a restare in casa, spiega il consigliere pentastellato. A questo proposito, l’assessore Nieddu ha annunciato open day dedicati ai booster per chi ha il green pass in scadenza.

L'articolo Covid, la Sardegna è l’unica regione dove i contagi non scendono proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.