Impennata di nuovi casi di Covid: +80,7% tra il 22 e il 28 dicembre. È uno dei dati che emergono dall’ultimo monitoraggio della Fondazione Gimbe. I nuovi contagi salgono da 177.257 a 320.269 e cresce (del 16,1%) anche il numero dei morti: 1.024 contro 882. Su base settimanale crescono del 55,9% i casi attualmente positivi (598.856 contro 384.144), del 56,8% le persone in isolamento domiciliare (587.622 contro 374.751), del 20,4% i ricoveri con sintomi (10.089 contro 8.381) e del 13,1% le terapie intensive (1.145 contro 1.012).

“Da due mesi e mezzo – spiega Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione – si rileva un aumento dei nuovi casi, che nell’ultima settimana ha subito un’ulteriore impennata, sia per l’aumentata circolazione virale, sia per l’incremento del numero dei tamponi“. La media mobile a sette giorni dei nuovi casi è schizzata da 27.199 del 22 dicembre a 45.753 il 28 dicembre (+68,2%) e il rapporto positivi/persone testate ha raggiunto il 37,8%, indicando che “in assenza del calo dei tamponi nei giorni festivi il numero dei nuovi casi sarebbe ancora maggiore.

Leggi su https://www.agi.it/cronaca/news/2021-12-30/gimbe-impennata-nuovi-casi-settimana-natale-15067413/

L'articolo Covid, la Fondazione Gimbe: “In una settimana contagi aumentati dell’80,7 per cento” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.