Il comandante Antonio Casula ha detto di non conoscere l'identità della ventina di persone scappate

CAGLIARI. L’inchiesta giudiziaria è cominciata: ieri mattina il sostituto procuratore Giangiacomo Pilia, delegato dal procuratore capo Maria Alessandra Pelagatti, ha sentito per circa tre ore come persona informata sui fatti Antonio Casula. Il comandante del Corpo Forestale ha confermato di aver partecipato al banchetto clandestino di Sardara e tutti o quasi tutti i 19 nomi di commensali che circolano in queste ore. Il dirigente ha quindi spiegato di non conoscere l’identità della ventina di persone sfuggite al controllo dei due finanzieri arrivati all’hotel Nuove Terme attorno alle 15 dello scorso 7 aprile e ha giustificato l’uso dell’auto di servizio ricordando che il suo passaggio a Sardara è avvenuto al rientro da una trasferta di servizio nel nord dell’isola. La sua presenza al pranzo - ha detto - farebbe parte della sua agenda di lavoro di quella giornata.

Articolo completo e altri servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.