Vicini alla soglia critica. I posti letto occupati sono cresciuti del 7 per cento in una settimana

CAGLIARI. Vistoso incremento dei ricoveri Covid-19 in Sardegna, che in una sola settimana crescono del 7% nei reparti di terapia intensiva e del 5% in quelli di medicina. È quanto emerge dal monitoraggio giornaliero fatto dall'Agenas. Nel dettaglio la percentuale di posti letto nelle intensive occupata da pazienti positivi passa al 15 di lunedì 29 al 22% di ieri con un ulteriore aumento del 2% rispetto al giorno di Pasqua. E si avvicina nuovamente la soglia del 30% oltre il quale il governo ha stabilito che ci sia un sovraccarico nelle strutture ospedaliere. Cresce anche la pressione dei ricoverati con il virus nelle aree cosiddetta «non critiche»: dal 12% del lunedì della Settimana Santa al 17% di Pasquetta (+1% rispetto a domenica 4 aprile). Nell'ultima rilevazione dell'unità di crisi regionale, sono 323 i pazienti attualmente ricoverati in reparti ospedalieri, 278 nei non intensivi e 45 in terapia intensiva, mentre, appena uscita dalla fascia bianca, la Sardegna aveva raggiunto quota 199 ospedalizzazioni Covid. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.