Estraneo a mentalità liberale, ma contro i 'no vax' ci può stare

(ANSA) - LONDRA, 23 FEB - Boris Johnson conferma l'apertura del suo governo all'ipotesi, in passato esclusa, di una qualche forma di 'passaporto vaccinale' nel Regno Unito sul modello del green pass israeliano per facilitare l'accesso di persone già immunizzate dal Covid ad esempio a eventi pubblici di gruppo, quando essi ripartiranno nell'ambito dei piani per un superamento cauto e a tappe del lockdown annunciato ieri. Per ora il premier Tory, interpellato oggi dai giornalisti durante una visita a una scuola di Londra che riaprirà l'8 marzo, ha fatto sapere di aver comunque incaricato un gruppo di lavoro guidato dal ministro Michael Gove di studiare la questione, mentre nel Paese l'accelerazione della campagna sui vaccini ha portato già ad oltre 18 milioni le dosi somministrate.

"Si tratta di una novità per noi", ha sottolineato Johnson, ricordando come la mentalità liberale britannica sia a disagio con l'idea di imporre certificazioni di alcun genere "per entrare in un pub o andare a teatro", aggiungendo che occorrerà evitare "discriminazioni contro chi, per qualsiasi motivo, non può ricevere un vaccino, magari per ragioni mediche". Allo stesso tempo ha tuttavia rimarcato di ritenere profondamente "sbagliato" il rifiuto deliberato della vaccinazione dei 'no vax', lasciando intendere che nel loro caso l'attestato vaccinale non possa essere considerato discriminatorio. "I libertari più ferventi saranno contrari (al 'passaporto'), ma altre persone avranno ragioni per sostenere questa causa", ha concluso.

Quanto alla roadmap sul dopo lockdown, il premier ha poi detto di essere "molto ottimista" sull'obiettivo di un ritorno alla sostanziale normalità indicato dal governo per il 21 giugno, subordinato per ora all'andamento della pandemia e della campagna vaccinale: data dopo la quale ha ieri auspicato una situazione "incomparabilmente migliore" per gli abitanti del Regno. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.