contagi

Contagi giornalieri ancora in calo in Sardegna, ma continua ad aumentare il numero di pazienti ricoverati,

sia in terapia intensiva che nei reparti ordinari.

Si registra anche una nuova vittima, mentre con oltre 4.600 tamponi effettuati in 24 ore il tasso di positività sale al 2% dall’1,1% del precedente aggiornamento.
Ecco il bollettino integrale diffuso dalle autorità regionali lunedì 29 novembre 2021:

“In Sardegna si registrano oggi 98 ulteriori casi confermati (ieri 107, ndr) di positività al COVID, sulla base di 1.335 persone testate.

Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 4.684 tamponi.

I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 16 (due in più rispetto a ieri ).

I pazienti ricoverati in area medica sono 67 (cinque in più rispetto a ieri ).

2.620 sono i casi di isolamento domiciliare (30 in più rispetto a ieri).

Si registra il decesso di una donna di 88 anni, residente nella provincia del Sud Sardegna (ieri nessuna vittima, ndr)”.

Esattamente un anno fa, il 29 novembre 2020, i nuovi contagi giornalieri erano 416, le vittime in 24 ore quattro e le persone in isolamento domiciliare 12.776

Fonte: L'Unione Sarda

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.